La’ dove è stupore e gioia

Bentrovati, amici e vicini 🙂

Sono a Londra e piove. ‘Non sarebbe Londra se non piovesse’, mi ha detto poco fa Simona. Sì, è vero e vi dirò che la tollero e la trovo persino pittoresca, la pioggia qui.

Come chi mi segue su Fb e Instagram ha già visto, oggi ho cambiato strategia per raggiungere Londra.

Ora, non so se è dovuto al fatto che abbia iniziato a cercare il biglietto per oggi a inizio mese oppure se c’è qualche evento a me sconosciuto, fatto sta che il biglietto per questo pendolo Ryanair me lo vendeva a 268 euro!! Ero quasi decisa a saltare anche questa settimana come salterò l’ultima (Halloween ha fatto lievitare i prezzi e mi spiace davvero tanto non poter vivere in London questa festività), quando, invece, la mia amica e compagna di teatro nonche’ agente di viaggi Sara mi ha trovato la soluzione… ma da Malpensa!

Cosi, alle 7 ho preso la navetta dallo Stallo 1 di Corso Bolzano e alle 9 sono giunta al Terminal 2.

Casino allucinante!! Malpensa è, ovviamente, più grande di Caselle e io poco la tollero, ma ho anche della burocrazia pre Brexit da smaltire e non potevo non essere qui oggi.

La cosa carina è stata che il bus A3 che da Gatwick porta a Vauxhall, dove si trova il Bonnington Center, è passato per Sutton, proprio davanti la casa di Jass! È stata una piacevole sorpresa che mi ha dato la sensazione di tornare ‘a casa’.

Non vi ho ancora detto, in effetti, in che zona di Londra vivrei volentieri. Non l’ho fatto perché ci arriviamo oggi, seguendo il racconto di questo mese carico di emozioni.

È successo lunedì 19 agosto, quasi due mesi fa’. Ero uscita dalla lezione di inglese, aveva smesso di piovere e aveva fatto capolino un bellissimo sole. Avevo voglia di camminare e mi sono detta ‘Ma sì, oggi vado al di là del Tower Bridge, nelle Dockland che non ho ancora avuto modo di veder”.

Amici e vicini… non so se avete avuto il piacere di visitare questa parte di Londra… io ne sono rimasta affascinata!

Avevo attraversato l’amato Tower Bridge e, una volta lasciato alle spalle, avevo deciso di percorrere le Thames path sul lato sinistro. Cosi ho scoperto un punto di vista diverso dal quale ammirare Londra dal Tamigi e, inoltre, Canary Wharm e l’Isle of Dogs. In quest’ultima ho deciso che metterò su casa, prima o poi, qui in London.

Isle of dogs

Ricordo che quando ho preso la DLR – Dockand Light Railway, sono rimasta a guardare fuori dal finestrino con lo stupore di una bimba di 5 anni! Questo treno che corre tra i grattacieli che nascono dal fiume mi ha stregata.

Isle of dogs

Ho camminato dalle 6 alle 10 Pm e quindi quando ho preso la DLR per raggiungere la fermata Canary Wharm della Jubilee per tornare a casa, il tramonto lasciava il posto alla sera e il viaggio è stato ancor più spettacolare. Ci si sente in una città da fumetto futuristico e l’isola dei cani è un piccolo pezzetto di passato in mezzo a questo futuro, con le sue barche all’ancora nel porticciolo, vere e proprie case galleggianti con tanto di numero civico.

Canary Wharm

Sono tornata a casa euforica e nei giorni seguenti non ho fatto altro che parlare delle Dockland a chiunque!

Fatemi un piacere, se vi capita di venire a Londra andate a perdervi in questo ambiente fantascientifico e ditemi poi cosa ne pensate. Sono sicura che anche voi rimarrete sbalorditi ed euforici 🙂

Dal momento che il ramo sinistro delle Dockland mi aveva così piacevolmente stupita, il giorno seguente ho dedicato l’intera giornata al lato destro.

Ho camminato dal Tower Bridge fino all’Accademia Navale a Greenwich. Devo dire che per quanto le abbia trovate belle, non mi hanno affascinata come l’altra sponda.

Accademia navale

Il footpath che attraversa il Tamigi

Sponda che ho raggiunto, sul finire della giornata, passando attraverso il footpath che attraversa il Tamigi.

Vi dirò che, nonostante non soffra di claustrofobia, mi ha fatto effetto attraversare questo tunnel sotto al fiume.

Giunta a metà ho avvertito un fastidioso senso di pressione e ho velocizzato il passo.

Per riprendermi, ho ripreso la DLR e goduto nuovamente del viaggio sull’Isle of Dogs e Canary Wharm by night 🙂

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *