Memorie di settembre

Bentrovati, amici e vicini!

Eccomi qui, a scrivervi dall’aeroporto di Malpensa in attesa che apra il gate per il mio primo volo ‘dell’anno’.

Come mai parto di nuovo da Malpensa? Perché da Caselle non ci sono voli che possano essermi utili nei giorni in cui devo essere in studio a Londra. E questo, se nulla ci bloccherà prima, resterà invariato fino alla penultima settimana di ottobre….

Mi toccheranno, quindi, ben due notti insonni anziché una… grazie covid…

Pensavo, mentre cercavo inutilmente di appisolarmi sulla navetta, a settembre. È il mese in cui ogni cosa ricomincia. Quando ero piccola e mi toccava ritornare a scuola era per me un mese odiato. Penso avrei gioito parecchio se mi fossi ritrovata bambina in epoca covid. Libera di poter restare a casa da scuola, anzi, obbligata! Il paradiso!

Quest’anno settembre potrebbe perdere il suo ruolo di mese in cui tutto ricomincia. Se la scuola ripartirà o meno è un’incognita e, nel mio piccolo, sono qui che spero che Uk non decida di mettere la quarantena obbligatoria anche per chi arriva dall’Italia. Mi toccherebbe sì, ricominciare, ma a fare sedute on line. Cosa che, per inciso, ho portato avanti nelle ultime due settimane di agosto.

Oggi, 2 settembre 2020, torno a Malpensa e a Londra con una stanchezza da sabato mentre è appena mercoledì mattina. Bello, eh?

Ho scoperto che questa stanchezza è dovuta all’ematocrito sotto i tacchi, indice di anemia sideropenica. Mai avuto molto ferro nel sangue, io.

Se ci mettiamo anche una ridotta dimensione dei globuli rossi, piuttosto pallidi, ne ricaviamo, di conseguenza, una riduzione dell’ossigeno che giunge al cervello. Da qui la stanchezza. Guardando gli esami mi sono chiesta come faccia a stare in piedi? Tutto merito della forza della determinazione! … e di una buona dose di testardaggine.

E dato che non vogliamo farci mancate nulla, oggi è arrivato pure il ciclo ad augurare buon inizio pendolo. Con una settimana di anticipo, gioia. Ci teneva proprio a vivere con me questa esperienza…

Inoltre, ritorno a pendolare in un periodo in cui Sherlock è affetto da mammite acuta! In questi giorni abbiamo giocato ad essere io lo scoglio e lui la cozza perennemente attaccata. Vi lascio immaginare le scene madri da Oscar assicurato che ha messo su poco prima che io uscissi. Anzi, stavolta ha preparato l’opera già a cena. Tutte cose che mi fanno sentire la più crudele delle umane…

Ma ora basta con i lamenti e torniamo a settembre, mese in cui tutto ricomincia. Il vero inizio anno, infatti, è segnato per tutti noi più da questo mese, che dal goliardico gennaio. Non è un caso che anche io abbia iniziato la mia attività di pendolare proprio a settembre. Dal 19, per l’esattezza, quindi abbiamo ancora un po’ di giorni prima di festeggiare questo primo anniversario!

Diciamo che mi sono resa più amabile il settembre, anche se ammetto che l’odio viscerale si è concluso con le scuole superiori. Dopo è diventato solo un mese come tanti, per me abituata a lavorare praticamente sempre senza sapere le vacanze cosa fossero, più o meno dal 2001 al 2013.

Quindi, ora sono qui, pronta per vivere il mio primo giorno di settembre a Londra. Vivo come voi nella speranza di poterci liberare al più presto di questo virus. Cosi, giusto per diminuire i livelli esagerati di tensione globale. E personale. Perché, non so voi, ma agosto è volato via veloce. Troppo veloce. E io avrei bisogno di un anno di ferie. Di ore di sonno. Di coccole, anche. Abbracci nei quali rilassarmi e riposare serenamente. Finalmente.

Ma la realtà mi vuole qui, a pendolare. E anche oggi, si dorme (forse) domani…

2 thoughts on “Memorie di settembre

  1. Ciao, donna multilingue e anemica accetta un consiglio da un vecchietto con la fibrillazione atriale, fatti il cammino di Santiago, ma con il pensiero . A parte gli scherzi non sottovalutare gli esami, tanto non c’è pericolo che mi diventi ipocondriaca. Solo la fibrillazione è vera, ma curabile.

    • Carissimo Mario 🙂
      Non sottovaluto e me ne prendo cura. Mi piace, però, anche essere leggera.
      Prenditi cura di te anche tu.
      Un bacio grandissimo :-*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *